news

I risultati di 3 studi di fase I (presentati al meeting dell’American Society of Clincal Oncology di quest’anno) dimostrano un’efficacia assai promettente di tre nuovi composti nei pazienti con NSCLC mutato per il gene EGFR. Tutti e tre quegli studi possono essere considerati pietre miliari nel trattamento delle mutazioni EGFR, con significativi miglioramenti del tempo alla progressione di malattia.[…]


Continua a Leggere »

Pensiamo che i risultati del NELSON trial siano di molto interesse, soprattutto in vista della campagna per lo screening gratuito che ALCASE sta portando avanti in questi giorni (https://www.alcase.it/2014/10/campagna-screening/), anche attraverso una pagina FaceBook interamente dedicata (https://www.facebook.com/pages/Fai-La-Tua-Mossa-Battilo-Sul-Tempo/342147165962024) e una petizione on-line (http://www.change.org/p/ministero-della-salute-screening-gratuito-per-il-cancro-al-polmone). Conseguentemente, come nostra abitudine, pubblichiamo l’abstract originale con la nostra traduzione in italiano, cui faremo seguito con alcuni brevi commenti.


Continua a Leggere »

Verso un cambio nella pratica medica…
Pensiamo sia presto per dirlo, ma questi ricercatori americani ritengono che presto si passerà -nella routine di tutti i giorni- dalla radioterapia tradizionale alla radioterapia sterotassica. […]


Continua a Leggere »

Quest’ampio studio di fase III, pubblicato sulla più prestigiosa rivista di medicina internazionale, dimostra in maniera chiara e convincente che il RAMUCIRUMAB, un anticorpo monoclonale diretto contro i fattori di crescita neo-endoteliali, prolunga la sopravvivenza dei malati con NSCLC avanzato, se aggiunto al trattamento chemioterapico standard di 2^ linea con Taxotere.


Continua a Leggere »

NEWS dall’ASCO MEETING. Un nuovo studio clinico, randomizzato e controllato con placebo, dimostra che l’aggiunta del Ramucirumab (un nuovo inibitore della neo-angiogenesi) alla chemioterapia standard di 2° linea aumenta la percentuale di risposte obiettive del tumore e prolunga la sopravvivenza dei pazienti trattati. […]


Continua a Leggere »

Un ampio studio di fase III, denominato SQUIRE, verrà presto presentato al 50° Meeting Annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO meeting), che avrà luogo a Chicago, IL, dal 30 maggio al 3 giugno prossimi. Lo studio ha per oggetto un nuovo farmaco investigazionale, il Necitumumab (IMC-11F8), che aveva dimostrato di incrementare la sopravvivenza complessiva, rispetto alla chemioterapia standard, dei pazienti affetti da carcinoma del polmone in stadio metastatico.


Continua a Leggere »

[…] Recentemente sono stati pubblicati sulla più autorevole rivista di medicina al mondo, il New England Journal of Medicine (NEJM), i risultati di uno studio di fase I sul Ceritinib nel cancro del polmone non a piccole cellule (o NSCLC, utilizzando la sigla universamente adottata) che riteniamo importante far conoscere. Come al solito riporteremo il riassunto originale dello studio (con caratteri rossi), la sua traduzione letterale in italiano e i nostri commenti in fondo. […]


Continua a Leggere »

Un studio italiano di fase II valuta l’aggiunta del Vandetanib (https://www.alcase.it/educational/premessa-farmaci-mirati/farmaci-mirati/vandetanib/) a un chemioterapico standard (Gemcitabina), nel trattamento di prima linea dei malati di età avanzata con NSCLC avanzato. Risultati l’associazione Vandetanib + Gemcitabina è superiore alla sola Gemcitabina… http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24722160


Continua a Leggere »