Nivolumab Bis

Ultimo aggiornamento: 18/6/16

Nome commerciale Il farmaco, precedentemente noto come BMS-936558 and MDX1106, è oggi in commercio col nome di OPDIVO ®.
Compagnia farmaceutica produttrice Sviluppato dalla Bristol-Myers Squibb.
Indicazione approvata dal SSN Nivolumab BMS è indicato per il trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) squamoso localmente avanzato o metastatico dopo una precedente chemioterapia negli adulti (documento AIFA del 10/6/2016), ma alla stessa data non è ancora erogabile dal SSN.
Caratteristiche chimico-farmacologiche E’ una macromolecola (anticorpo monoclonale IgG4, completamente umano). La sua formula chimica è: C6362H9862N1712O1995S42
Meccanismo d’azione Agisce come immunomodulatore, bloccando la proteina PD-1 (Programmed cell death 1), un recettore co-inibitorio espresso dai linfociti T attivati, necessario per eludere la sorveglianza immunitaria. Il blocco di tale proteina potrebbe superare la resistenza immunitaria e mediare la regressione del tumore.
Modalità di somministrazione Uso Endovenoso. In uno studio di fase I (A Phase 1b Study of MDX-1106 in Subjects With Advanced or Recurrent Malignancies (MDX1106-03), il Nivolumab è stato somministrato a dosi comprese fra 0.1 to 10.0 mg per kg di peso corporeo, ogni 3 settimane. La dose utilizzata negli studi successivi è stata solitamente 3 mg/Kg.  Peraggiori informazioni su posologia e somministrazione si vada a questo link.
Attività antitumorale riconosciuta L’ EMA europea ha approvato l’uso del Nivolumab nel melanoma e nel NSCLC ad istologia squamosa.  Negli Stati Uniti, invece, l’Opdivo ® è approvato per il melanoma, il carcinoma renale, e per il NSCLC, anche di tipo non squamoso (website Opdivo ®). Infine, il 17/5/16, è stato approvato anche per il linfoma di Hodgkin (FDA approval).
Attività antitumorale (cancro del polmone) Non vi sono più dubbi circa l’efficacia del Nivolumab nel NSCLC e, in parte anche nel NSCLC. La questione ora è: in quale condizione clinica e con quali eventuali farmaci in associazione (es.ipilimumab) è più efficace.
Indicazioni cliniche (cancro del polmone) Vedi box precedente.  Fra l’altro, al 18/6/16, vi sono 41 sperimentazioni cliniche attivamente reclutanti nel mondo sul Nivolumab in pazienti con cancro al polmone (censimento NHI), e 32 pubblicazioni scientifiche sull’argomento (PubMed)
Effetti tossici e collaterli Gli effetti collaterali sono stati dichiarati “accettabili” dai ricercatori e, comunque non superiori a quelli di altri farmaci della stessa categoria. Il più comune effetto collaterale riportato è stato l’astenia (senso di affaticanento).  Sono state anche riportati dei casi di polmonite iatrogena. Vedi anche il riassunto delle caratteristiche del farmaco per il pubblico dell’EMA
Nostri articoli http://www.alcase.it/2013/11/nivolumab/

http://www.alcase.it/2013/11/immunoterapia_e_nivolumab/

http://www.alcase.it/2015/04/come-ottenere-opdivo/

http://www.alcase.eu/interrogare-lesperto/rush-cutanei-e-nivolumab/

http://www.alcase.eu/studio-ricerca/immunoterapia-e-microcitoma/

Letture consigliate ema.europa