news

E se il nodulo polmonare viene scoperto all’estero?… In Polonia, per esempio?…

Buongiorno,
abito in Polonia e per caso, durante una lastra al torace, mi e’ stata trovata una piccola macchiolina al polmone.
Ho fatto una prima TAC a dicembre del 2014 il cui esito e’ stato: nodulo polmonare di non chiara entita’ (traduco la frase in polacco). A distanza di tre mesi ho fatto una seconda TAC e il risultato (traduco solo la frase riferita all’addensamento): “focolaio infiltrativo al polmone sinistro di forma irregolare con densita’ a vetro smerigliato, in regressione. Prima TAC 12×8 mm, seconda TAC 10×7 mm”.

La mia domanda e’: il fatto che sia regredita “supera” le cattive notizie ossia che la forma e’ irregolare e la densita’ e’ a forma di vetro smerigliato?…

Le chiedo questo poiche’ stando all’estero non sempre mi e’ tutto chiaro; la pneumologa da cui vado ha concentrato la sua attenzione sulla densita’ e sulla forma dando meno importanza alla regressione.

Sono un fumatore non icallito (fumo 1/2 sigarette al giorno), non ho nessun sintomo e svolgo attivita’ fisica.
Mio padre purtroppo e’ morto di tumore al polmone circa 12 anni fa.

Vi sarei molto grato se potreste darmi un parere sulla frase che ho tradotto,

Cordiali saluti,
Thomas Altuccini



Buongiorno, mi sono dimenticato di dirLe che mi e’ stato trovato anche liquido nel pericardio.

Ho fatto due successive ecografie al cuore e il liquido e’ scomparso (inizialmente (prima tac) 10 mm, seconda TAC 5 mm, poi nelle due successive ecografie e’ passato a 4 mm per poi scomparire). Il cardiologo ritiene che la scomparsa del liquido nel pericardio (come la macchia al polmone) potrebbe essere la conseguenza di un’infezione.

Per la pubblicazione della mia domanda e della Sua risposta ovviamente non ho nessun problema

Cordiali saluti,
Thomas Altuccini


Buon giorno a lei, Sig. Altuccini.

Da quello che mi racconta si direbbe si tratti davvero di un falso allarme: il fatto che il nodulo sia in regressione, poco radiopaco (modesta densità)  e “a vetro smerigliato” sta assolutamente per un fatto flogistico, e non neoplastico.  La forma irregolare non è dirimente: può essere presente sia in un tumore che in una infiammazione.  Il fatto poi, che sia stato concomitante ad un versamento pericardico, ora risoltosi, conferma ancora di più che si sia trattato di una flogosi su base infettiva, il cui agente eziologico più verosimile è un virus.  Dunque, la prima e più probabile ipotesi diagnostica è: PNEUMONITE VIRALE A LENTA RISOLUZIONE ANATOMICA, ACCOMPAGNATA DA PERICARDITE.

Dobbiamo parlare di ipotesi, perchè a suo tempo, non sono stati fatti gli accertamenti specifici che avrebbero potuto chiarire la natura dell’addensamento (PET, marcatori tumorali, broncoscopia -per escludere il tumore- e pericardiocentesi con analisi del liquido pericardico -per chiarire la natura del versamento-).

Cosa fare oggi?… Per prudenza, consiglierei soltanto di ripetere la TAC ad un anno dalla prima (cioè il prossimo mese di dicembre), seguita da una TC-PET se il nodulo avesse ancora una dimensione superiore a 8/10 mm.  Se tutto negativo, dimentichi!

Cordialmente,

Gianfranco Buccheri


12 Responses to “E se il nodulo polmonare viene scoperto all’estero?… In Polonia, per esempio?…”

  1. Thomas scrive:

    Buongiorno, La ringrazio della risposta. Giovedi’ faro’ un’altra TAC.
    Potro’ disturbarLa ancora una volta ricevuto il risultato?

    Se posso fare qualcosa per promuovere la Vostra associazione anche qui all’estero mi dica come. E’ stato di grandissimo aiuto. Avendo vissuto l’esperienza di mio padre, morto di tumore al polmone, con due nambini piccoli la parola nodulo al polmone mi ha creato 1000 preoccupazioni.

    La ringrazio

    Thomas

  2. La capisco, Thomas, e certamente potrà farci conoscere il risultato della nuova TAC (cui farò seguire i miei commenti).

    Certo, la sua idea di promuovere ALCASE in Polonia è molto affascinante…

    La prima cosa che mi viene in mente è che si potrebbe fondare una sete distaccata di ALCASE nella sua città: http://www.alcase.it/chi-siamo/fondare-alcase-nella-tua-citta/. Ma si tratta di una piccola impresa: ci vuole molto lavoro e dedizione, anche se poi dà, in ritorno, grandi soddisfazioni morali e non è detto che sia economicamente passiva…

    Bisognerebbe raccogliere un gruppo di parenti e amici che siano lieti di collaborare, cominciare a tradurre le pagine fondamentali di questo sito in polacco (così che noi le possiamo aggiungere alle nostre in italiano ed inglese), creare una pagina polacca di FaceBook sul tipo della nostra (https://www.facebook.com/alcase.italia/) e cominciare a sviluppare iniziative locali, anche autonome…

    In ogni caso, qualunque forma di aiuto alla nostra causa è il benvenuto: http://www.alcase.it/contatti/aiutaci/

    Cordiali saluti,

    Gianfranco Buccheri

  3. Thomas scrive:

    Buongiorno, mi scuso se rispondo solo ora ma sono stati giorni di visite:)

    Le risposte dovrei averLe la prossima settimana.

    Per la promozione di ALCASE in Polonia sto ragionando su come potrei farlo al meglio e ho gia’ iniziato a parlare con qualche persona.

    Le auguro una buona giornata

    Thomas

  4. Thomas scrive:

    Buongiorno, ho ricevuto il risultato della terza TAC (a distanza di circa 11 mesi dalla prima) e il risultato e’ per forma (irregolare), densita’ (vetro smerigliato) e grandezza (10mmx7mm) stabile. Nessun cambiamento.
    Il liquido nel pericardio da 5mm e’ passato a 2 mm. (come le avevo scritto nella prima mail il cardiologo invece mi ha detto dopo l’ecografia al cuore che non vi e’ presenza di liquido)
    So che Lei mi ha consigliato di fare una PET ma purtroppo nella regione in cui abito non ce ne sono.
    Lunedi’ vado dal pneumologo qui in Polonia dove abito e vedo cosa mi dice.
    Cosa ne pensa Lei?
    La ringrazio per il Suo preziono aiuto e Le auguro una buona girnata

  5. Beh… data la stabilità del quadro e la scarsa disponibilità di scintigrafie PET là dove lei vive, può anche semplicemente continuare con TAC di controllo…facendo la prossima, direi, a 7 mesi da oggi. Undici mesi di apparente stabilità, infatti, cominciano ad essere tranquilizzanti (anche se bisognerà attendere almeno 2 anni di stabilità per … cantare vittoria!).
    Cordialmente,
    Gianfranco

  6. Thomas scrive:

    Buongiorno,

    ho parlato ai medici del suo parere in merito alla Pet e mi hanno messo in lista. Me la fanno fuori regione:)

    La ringrazio

  7. Thomas scrive:

    Buongiorno, ieri ho fatto la Pet e fra due settimane mi danno la risposta.
    Ho chiesto perche’ non mi hanno fatto fare le analisi per i marcatori tumorali e mi hanno risposto che mi hanno fatto l’esame per l’OB. Ho visto che in inglese e’ “ESR , erythrocyte sedimentation rate” .
    Mi hanno detto che e’ molto basso e quindi che non risultano processi infiammatori e/o neoplastici almeno in base all’analisi del sangue.
    Cosa ne pensa?

  8. Thomas scrive:

    La ringrazio come sempre della Sua gentilezza. Vorrei aiutarvi perche’ voi di aiuto ne date tanto. Come potrei fare una donazione ad ALCASE?

  9. Thomas scrive:

    Ancora un’ultima cosa: mi hanno fatto la spirometria e il risultato e’ superiore a 100

  10. Caro Thomas,
    scasami innanzi tutto per il vergognoso ritardo nel risponderti!… Cerco di rimediare ora:
    1. non è corretto quello che ti hanno detto i medici circa l’ERS, perché si tratta di un indice sensibile alle infiammazioni, ma poco o per nulla al cancro. E’ comunissimo trovare cancri avanzati e ERS (o VES come diciamo in Italia), normale. Il CEA, Cyfra 21-1 e NSE sono molto più sensibili e specifici per il tumore al polmone;
    2. ottimo risultato per la spirometria: complimenti!
    3. ma la PET come è finita?.. La hai fatta?.. Hai già i risultati?…
    4. se vuoi fare una donazione, te ne saremo davvero grati. Ecco come fare: http://www.alcase.it/contatti/aiutaci/
    Cari saluti e un augurio di buone feste!!
    Gianfranco

  11. Thomas scrive:

    Ciao, ti ringrazio della risposta.
    Ho deciso di voler dare un mio contributo (nel limite delle mie possibilita’ ma comunque sistematico) proprio perche’ ho fatto la PET e nell’attesa che il liquido iniettato andasse in circolo ho conosciuto molte persone coraggiose. La risposta dovrei avera fra 10 giorni.

    Proprio perche’ ritengo questo “forum” utile per i futuri lettori ti vorrei chiedere due cose sul “ground glass” o vetro smerigliato poiche’ ho trovato articoli con contenuti che potrebbero apparire discordanti per chi come me non e’ uno specialista.

    1. Se e’ vero che il nodulo singolo liquido persistente (puro ground glass) anche maggiore di 5 mm non va mai sottoposto a terapia invasiva (ad esempio biopsia) se non si registra (con la TAC) un aumento di volume o la comparsa di una componente solida al suo interno?

    2. Se e’ vero che essendo un adenocarcinoma invasivo il tumore piu’ verosimilmente corrispondente a un nodulo non solido a vetro smerigliato, la PET-TC non svolge un gran ruolo ne’ al fine di escludere la malignità, né al fine di una stadiazione, poiche’ questo tipo di tumore ha una bassa probabilità, se maligno, di generare metastasi linfonodali o a distanza

    Ti ringrazio e auguro anche a te buone feste!

  12. Grazie, grazie, e ancora grazie, Thomas, per il tuo proposito di sostenerci!! La buona volontà ed il volontariato DA SOLI non possono sostenere un’organizzazione senza scopo di lucro: ci sono spese obbligate e, senza donazioni, non vi si può far fronte… :(
    Per quanto riguarda le tue domande, premesso che in questo campo non vi sono regole assolute (cioè le cose normalmente vanno in un certo modo, ma possono andare anche in maniera differente), direi che:
    1. sono abbastanza d’accordo col tuo punto 1, cui aggiungerei: “o nel caso vi sia una positività PET”;
    2. non sono per nulla d’accordo col punto 2: gli adenocarcinomi, anche piccoli o piccolissimi, possono dare metastasi anche massive loco-regionali o sistemiche. In più non c’è nessun istotipo che sia fortemente correlato a lesioni a vetro smerigliato (se non forse il carcinoma bronchiolo-alveolare).
    Cari saluti e tanti auguri di sereno Natale e buon Capodanno anche a te!…
    Gianfranco

Lascia il tuo commento