news

Formazione nodulare in “honey comb lung”

Salve, vi chiedo un vostro cortese parere circa il referto della Tac (senza mezzo di contrasto) effettuata da mio padre, uomo di 80 anni, ex fumatore (ha smesso 20 anni fa dopo 50 anni di dipendenza da fumo) con familiarità per tumore ai polmoni, ha perso una sorella di 46 anni, circa 30 anni fa.

Il referto della tac riporta quanto segue:

“Ispessimenti fibrotici pleuro-paranchimali si rilevano in sede apicale, bilateralmente.
A carico del segmento ventrale del lobo superiore del polmone di destra e al segmento latero-basale del lobo inferiore di sinistra, adeso alla parete toracica, si reperta la presenza di una formazione nodulare di circa mm 9×6 la prima e di mm 8 la seconda, da monitorare.
Si apprezza un diffuso ed irregolare ispessimento interstiziale, accentuato alle basi con aspetto “vetro smerigliato” ed iniziale quadro a “honey comb”.
Linfogangli aumenti di volume, con diametro massimo di mm 8, si rilevano nella loggia del Barety ed in sede paratracheale.”

Alla luce di questo referto vorrei avere un vostro parere e indicazioni su quali sono i passi da compiere, inoltre, capire quali sono le possibilità che si tratti di un tumore maligno e se, vista la sede dei noduli, è possibile intervenire chirurgicamente per asportarli.

Grazie
cordialmente
Maria Teresa


Cara Maria Teresa,

non vi è niente di particolarmente preoccupante alla TAC, se non per i due noduli polmonari subcentrimetrici, che in effetti potrebbero anche essere di natura tumorale.  In particolare, il referto del radiologo può essere così interpretato:

  1. “Ispessimenti fibrotici pleuro-paranchimali si rilevano in sede apicale, bilateralmente”: si tratta di vecchie cicatrici che, per la sede (apicali), sono di solito degli esiti di una pregressa tubercolosi;
  2. “Si apprezza un diffuso ed irregolare ispessimento interstiziale, … tipo honey comb”: è un ispessimento dell’interstizio polmonare che assume un aspetto ad alveare. E’ tipico delle fibrosi polmonari, la cui natura va chiarita dal clinico;
  3. “Linfogangli aumenti di volume, con diametro massimo di mm 8,..”. Piccole adenopatie, non necessariamente patologiche (potrebbero anche essere legate alla fibrosi polmonare di cui parlavo prima);
  4. “formazione nodulare di circa mm 9×6 la prima e di mm 8 la seconda, da monitorare.”. Queste sono appunto le lesioni polmonari subcentrimetriche, cui prima accennavo, che correttamente il radiologo consiglia siano valutate con maggiore attenzione…

In conclusione, è necessario avere maggiori informazioni anamnestiche, visitare il tuo papà e controllare tutti gli altri accertamenti clinci effettuati in passato al fine di programmare eventuali ulteriori esami, necessari ad escludere una patologia non benigna.  Per questo, devi rivolgerti a un bravo pneumolgo.  La nostra lista dei “medici eccellenti” potrebbe aiutarti: http://www.alcase.it/support/medici-eccellenti/

Cordialmente,

Gianfranco Buccheri

Il direttore Medico di ALCASE

Il Dr. Buccheri e la skyline di Hong Kong (2010 GLCC meeting)


17 Responses to “Formazione nodulare in “honey comb lung””

  1. Savina Perchinelli scrive:

    Gentile Dottore :o ggi le scrivo per me è non per mio padre. Ho 42 anni fumatrice da circa 20 fumo circa 8/10 sigarette al giorno .comunque a causa di una continua fastidiosa tosse serale e spesso affanno ho eseguito una tac senza contrasto e volevo un suo parere sopratutto sulla parte finale del referto che scrive cosi:( NON NODULI NE MICRONODULI SOSPETTI. PERVIETA’ DELLA TRACHEA E DELLE PRINCIPALI DIRAMAZIONI BRONCHIALE. NON LINFOADENOMEGALIE ILO-MEDIASTINICHE. MILLIMETRICA NODULI PERISCISSURALE SINISTRA NEL SEGMENTO APICO-DORSALE, DA RIFERIRE A LINFOADENOMEGALIE INTRAPARENCHIMALE. NO VERSAMENTO PERISCISSURALE NE PERICARDICO. NO TUMEFAZIONI SURRENALICHE. NO LESIONI OSTE-STRUTTURALI DI SIGNIFICATO PATOLOGICO ATTUALE. COME REPERTO COLLATERALE SÌ SEGNALA LA PRESENZA DI ALCUNE IPODENSITA’ CON ASPETTO CISTICA DEL PARENCHIMIA EPATICO LA MAGGIORE CON DIAMETRO MASSIMO TRASFVERSO di 2,7 CM NEL VII SEGMENTO: UTILE VALUTAZIONE ECOGRAFIA MIRATA.) Spero di aver scritto giusto mi domando se mi devo preoccupare per l’ultima parte del referto cosa potrebbe essere? La ringrazio tanto Cordiali Saluti

  2. No, Savina. Secondo il tuo radiologo non dovrebbe esserci nulla di preoccupante al fegato: solo qualche cisti. Tuttavia, egli, prudentemente, chiede una conferma ecografica (eco epatica) della sua diagnosi di cisti. E.. smetti fi fumare .. che è sempre meglio! ;)
    Gianfranco Buccheri

  3. Savina Perchinelli scrive:

    Buongiorno dottore!!! La ringrazio tanto, mi sento più tranquilla. Volevo avere un ultimo parere riguardo mio papà, dopo( torocostomia plurica) fatta il 16 gennaio tutto procede bene fa le medicazioni a giorni alterni e una volta a settimana controllo e medicazione in ospedale. I tessuti granulano bene la ferita dicono bella, papà si è ripreso bene mangia con appetito esce a fare la sua passeggiata e psicologicamente è ottimo stato . La domanda è questa un medico di turno che fa le medicazioni consigliava di usare anziché le solite garze di provarele GARZE IODOFORMICHE. che però dicono hanno molti effetti collaterali. Ora mi domando se tutto procede bene perché cambiare? Sappiamo che i tempi sono lunghi per il bronco e il cavo pleurico.Lei cosa ne pensa? Considerando che papà nonostante tutto sta bene!!! Cordiali Saluti

  4. Va bene così, Savina. Le garze iodoformiche contengono un antisettico, ma se tutto procede bene come dici, a questo punto non c’è ragione di cambiare.

  5. Eugenio Nigro scrive:

    Gentile Dottore invio esito TAC .Nel segmento lingulare si conferma la presenza di lesione nodulare (diametro massimo di 15mm) a base plelurica e con sottile afferenza vascolare,privo di calcificazioni nel contesto,caratterizzato da lieve enhancement dopo mdc .Ulteriori formazioni micronodulari sono evidenti nel medesimo segmento poomonare in sede adiacente alla lesione descritta ,del diametro massimo di 5mm,nel segmento apicale anteriore del LSD.Focale ispessimento della pleura costale posteriore nel LSS di 6mm .Ho 49 anni e non ho mai fumato .Sono molto preoccupato.

  6. Caro Eugenio,
    se non hai precedenti TAC (o le hai ed erano negative), e se non vi è una chiara spiegazione nella tua storia clinica per questi noduli (soprattutto il maggiore, piuttosto sospetto) devi rivolgerti ad un buon pneumologo per una diagnosi di natura che va assolutamente fatta. Nel dubbio, è meglio andare a fondo…
    Un abbraccio di incoraggiamento.
    Tuo,
    Gianfranco

  7. Eugenio Nigro scrive:

    Grazie della risposta Dottore.Non ho precedenti TAC ma proprio questi giorni mi e’ stata diagnosticata una mononucleosi . Ho sentito un pneumologo che mi ha prescritto una PET TC .Lui la fa’ facile Pet positiva nessun problema rimuoviamo il nodulo maligno e tiriamo a campare .Ma?Sei giorni di degenza e tutto torna a posto .Io vivo e lavoro all’estero e speriamo che se fosse maligno di poter ritornare al mio lavoro . Dovrei sostenere un intervento mini invasivo (VATS)presso il Gemelli .Il pneumologo mi ha detto che ci sono circa il 50 % di poss che possa essere maligno ma al primissimo stadio.Grazie il 2 di Luglio dopo la Pet le faro’ sapere ma ho un brutto presentimento .

  8. Sei in buone mani, Eugenio. Facci sapere. E un grande in bocca al lupo!!
    GB

  9. Eugenio Nigro scrive:

    Scusi del disturbo gentile Dottore . Oggi mi ha chiamato il Gemelli che mi ha fissato la Pet per il 2 poi il sei devo riandare in ospedale per conoscere il risultato . Pero’ una cosa che non capisco e’ che indipendentemente dall’esito della Pet vogliono farmi rifare un’analisi del sangue ,un RX torace e un elettrocardiogamma.Ancora . Ho fatto tutti questi accertamenti solo una settimana fa’ quando andai al pronto soccorso per una tachicardia e dopo mi diagnosticarono una mononucleosi e grazie alla Tac mi riscontrarono questo nodulo . Mi hanno bucato da tutte le parti e ora Lunedi giu’ con gli stessi accertamenti .Al Gemelli insistono con questa mononucleosi .Speriamo che non si siano incartati .Grazie
    i

  10. Eugenio, scusami, ma io non posso farti una diagnosi a distanza!… Per quello ci vuole un vero e proprio consulto, secondo le modalità descritte alla pagina: http://www.alcase.it/contatti/.
    Con questo mezzo, posso solo rispondere a un chiaro quesito medico e darti dei suggerimenti generali. Ribadisco che al Gemelli sanno quel che fanno… ;)

  11. Eugenio Nigro scrive:

    Gentile Dottore Buccheri .Sono Eugenio Nigro e le comunico che a seguito della Pet da me eseguita il professore del Gemelli oggi mi ha chiamato comunicandomi la sola natura di malattia infettiva del nodulo e di una sospetta mononucleosi .Il 15 dovro’ andare al reparto malattie infettive del Gemelli per la prescrizione dei farmaci . Per quanto riguarda il reparto di pneumonia pratica medica conclusa e dovro’ solo andare in ufficio a ritirare il referto Pet .

    Grazie
    Eugenio Nigro

  12. Lieto di conoscere l’esito fausto dell’iter diagnostico del Gemelli!!… :)

  13. Domenico scrive:

    Gentile Dottore
    Ho 68 anni. A seguito di una bronchite catarrale e emoftoe?, in data 16/02/2017 ho eseguito una TC Torace con tecnica volumetrica con protocollo al alta risoluzione nelle solo condizioni di base:
    Gabbia toracica simmetrica.
    Nel segmento ventrale del lobo superiore sinistro, in sede supleurica, si osserva centimetrica area a vetro smerigliato meritevole di confronto con eventuali esami precedenti non giunti in visione (NON HO MAI ESEGUITO UNA TAC MA SOLO RX).
    Micronodulo non calcifico di 3 mm nel segmento apico-dorsale del lobo superiore sinistro e nodularità a margini sfumati di 4 mm nel segmento ventrale del lobo superiore dx, non tipizzabili per le esigue dimensioni, da ricontrollare.
    Puntiformi noduli calcifici rispettivamente nel lobo inferiore destro e in sede apicale a sinistra.
    Nelle acquisizioni in fase di espirio non air trapping.
    Regolare pervietà della trachea e delle principali diramazioni bronchiali-
    Non versamento pleurico ne pericardico.
    Non linfoadenomegalie in sede ilo-mediastinica ed ascellare bilateralmente, per quanto valutabile smc.
    Al passaggio toraco-addominale si osserva cisti corticale semplice di 53 mm al polo superiore del rene dx. Non tumefazioni surrenaliche.

    Si consiglia: CONTROLLO CON TC TRA 4 MESI

    Sono preoccupato, grazie in anticipo, Domenico.

  14. Caro Domenico,
    non c’è molto di cui preoccuparsi (probabilmente si tratterà di un falso allarme), ma la cosa non va neanche trascurata…
    Come giustamente consiglia il radiologo che ha refertato la TC, i noduli di 3 e 4 mm son troppo piccoli per essere visti da altre indagini per immagini (es.PET) o, tantomeno, per essere biopsiati. Ma vale la pena controllarli a breve. Dovessero crescere di volume al prossimo controllo, allora sì si dovrebbe fare di tutto per arrivare a una diagnosi (e ad una eventuale terapia contestuale). Per il nodo a vetro smerigliato, c’è da dire che questo aspetto è di solito legato a patologie non tumorali, ma anche qui un controllo a distanza può essere utile.
    La prossima volta, comunque, fai una TC normale (non ad alta definizione), ma con mezzo di contrasto, e mettiti nelle mani di un buon pneumologo (che esprima un giudizio finale, se non proprio una diagnosi).
    Cordialmente,
    Gianfranco Buccheri

  15. Domenico scrive:

    Grazie dottore, è Lei la Sanità eccellente, grazie ancora.
    La saluto cordialmente, Domenico.

  16. Domenico scrive:

    Gentile Dottore, il mio pneumologo mi ha già prescritto a 4 mesi un’altra Tac senza contrasto, cosa posso fare?

    Mi ero dimenticato di rappresentarLe, se vi può essere legame con la mia precedente situazione pneumologa, che in data 05/04/2016 a seguito di un piccolo gonfiore al lato sinistro del collo, il mio medico di base mi ha fatto sottoporre ad una ecografia collo per linfonodi.

    Testo del referto:
    In sede latocervicale/retroauricolare sinistra, nella sede di piccola tumefazione clinicamente rilevabile, di consistenza molle, si rileva piccolo lopoma di circa 16×5 mm.
    Non adenopatie sospette in sede laterocrvicale bilateralmente.
    Collateralmente, al lobo tiroideo sinistro si osserva nodulo di 7 mm, iso-iperecogeno con componenti colloido-cistiche e sottile orletto ipoecogeno con vascolarizzazione prevalentemente perilesionale.
    Utile controllo della Funzionalità tiroide.

    S-Tireotropina (TSH)riflesso
    S-Tireotropina (TSH) III gener. 1,85 Effettuato in data 12/1/2016
    S- Tireotropina (TSH) riflesso
    S-tireotropina (TSH) III gener. 1,86 Effettuato in data 16/2/2017

    Grazie ancora, Domenico.

  17. Niente, Domenico. O cambi pneumologo, o fai la TC senza mezzo di contrasto (sapendo che poi ne fari un’altra con mezzo di contrasto, se quella prescritta non sarà risolutiva…).
    Per il resto, nulla di rilevante alla questione polmonare di cui ci stiamo occupando.
    Cordialmente,
    Gianfranco Buccheri

Lascia il tuo commento