news

Tosse cronica in un fumatore…

Buongiorno. Ieri mi ha passato l’indirizzo email su youtube.

Mio babbo fuma da tanti anni (prima fumava 1-2 pacchetti al giorno),ora invece ne fuma 1/2 o massimo 1 al giorno e sempre da tanti anni ha una tosse stizzosa (avvolte secca altre grassa). Pochi mesi fa gli ho fatto fare una lastra ai polmoni e non è emerso nulla di particolare tranne che ha la cassa toracica è spostata ma questo lo sapevamo già dato che lo spostamento è stato causato da un brutto incidente stradale avuto tanti anni fa. Facendo i raggi X non sono state riscontrate macchie o masse nei polmoni quindi dato che lui è magrissimo (40kg per 1.66cm di altezza) spero che non abbia nessun tumore nascosto da altre parti.

Secondo lei la causa della tosse secca/grassa potrebbe essere una B.C.O.? Nel caso fosse così quali esami mi consiglia di fargli fare oltre ai raggi X che ha già fatto?

Attendo una vostra gentile risposta.

Grazie mille.

ooo

Gentile signore/a,

come lei stesso/a dice, la tosse cronica (ovvero, presente da più anni) è un sintomo caratteristico della bronchite cronica ostruttiva (BPCO).  La diagnosi stessa di bronchite cronica si basa sul sintomo tosse: “presenza di tosse e catarro per la maggior parte dei giorni di due anni consecutivi…”

Pertanto, l’insorgenza di un cancro al polmone, in un paziente con bronchite cronica, può determinare soltanto modifiche delle caratteristiche della tosse, e non sempre… A volte, non cambia assolutamente niente.   Se mancano altri sintomi caratteristici del tumore (si veda a questo proposito il nostro depliant: http://www.alcase.it/educational/opuscoli-informativi/rischio/), la diagnosi diventa assai difficile e quando viene fatta è, quasi sempre, troppo tardi…

Cosa consiglierei di fare a suo papà?… Semplice:

  1. far fare delle prove respiratorie funzionali (almeno pletismografia ed emogasanalisi), per valutare l’eventuale gravità della malattia bronchiale;
  2. entrare in uno studio di screening del cancro ai polmoni (li fanno certamente allo IEO di Milano e al Policlino Gemelli di Roma) o, se questa soluzione non è possibile, convincere il medico di famiglia a prescrivere un TAC del torace a basso dosaggio (idealmente una volta all’anno).

Cordialmente,

Gianfranco Buccheri

Il direttore Medico di ALCASE

Il Dr. Buccheri e la skyline di Hong Kong (2010 GLCC meeting)


Lascia il tuo commento