Dalla letteratura medico-scientifica: report brevi (marzo 2013)

Dalla nostra pagina di FaceBook:

NEWS DAL MONDO DELLA RICERCA: report brevi.

Il Taxotere è un chemioterapico standard nel trattamento di seconda linea e l’EVEROLIMUS (http://www.alcase.it/educational/premessa-farmaci-mirati/farmaci-mirati/everolimus/) è un farmaco mirato poco utilizzato per il cancro al polmone. Questo studio ne conferma la modesta attività in pazienti non selezionati e ne suggerisce piuttosto l’uso in casi selzionati. Phase II Study of Docetaxel in Combination with Everolimus f… : Journal of Thoracic Oncology journals.lww.com

______________________________________________

Pubblicati i risultati maturi dello studio OPTIMAL, che, nei pazienti con cancro al polmone non a piccole cellule e mutazione EGFR, confermano il miglioramento della sopravvivenza libera da progressione di malattia indotto dall’Erlotinib, ed evidenziano un parallelo importante miglioramento della qualità di vita. Quality of life (QoL) analyses from OPTIMAL (CTONG… [Ann Oncol. 2013] – PubMed – NCBI www.ncbi.nlm.nih.gov

______________________________________________
A volte… vien da dire… “la scoperta dell’acqua calda!”. E’ ovvio che il volume del tumore è un’importante parametro prognostico!…
______________________________________________
Un piccolo studio spagnolo dimostra che il Tarceva equivale al chemioterapico Alimta, nel trattamento di seconda linea dei pazienti con tumori non geneticamente mutati per l’EGFR (o di cui non ne sia noto lo stato).
______________________________________________
Interessante: contrariamente all’opinione generale che circola sul WEB, il più autorevole istituto inglese per la valutazione degli atti medici (NICE) NON approva l’uso del farmaco Alimta, come terapia di mentenimento dopo una prima chemio con Alimta e Cisplatino.
    The UK’s National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE) has refused to back the use of Lilly’s Alimta (pemetrexed) in new draft…
    ______________________________________________

    Aumentano le prove a favore della superiorità dell’intervento conservativo (lobectomia tramite video-toracoscopia), rispetto alla tradizionale lobectomia a cielo aperto. Questa è la 4° metanalisi in pochi mesi:
    ______________________________________________
    E’ incredibile che dopo 10 anni esatti vengano ripetuti e riscoperti (ottenendo esattamente gli stessi risultati) gli studi dei medici di ALCASE (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=buccheri+g.+CEA+lung+cancer+surgical+treatment)!!!… In questo lavoro, appena pubblicato, si conferma che la determinazione del CEA (un vecchio marcatore tumorale), fatta nel periodo preoperatorio, offre informazioni prognostiche di grandissima importanza clinica…

    Optimal predictive value of preoperative serum carcinoembryonic antigen for surgical outcomes in sta…
    onlinelibrary.wiley.com
    Kato, T., Ishikawa, K., Aragaki, M., Sato, M., Okamoto, K., Ishibashi, T., Oba, K. and Kaji, M.
    ______________________________________________

    La compagnia farmeceutica “Peregrine” comunica i dati aggiornati di medio termine sullo studio di fase 2 che intende valutare l’associazione del Bavituximab (http://www.alcase.it/educational/premessa-farmaci-mirati/farmaci-mirati/bavituximab/) alla chemioterapia: ancora favorevoli al farmaco ma non così tanto come riportato in precedenza.
    ______________________________________________
    Uno studio pubblicato su Ann.Intern.Med. pone la questione del valore ottimale da ussare per definire un nodulo polmonare positivo allo screening (5 mm o 7/8mm?…).

    Optimal lung cancer screening nodule size questioned

    www.news-medical.net
    Researchers challenge the definition of a positive result in first-round lung cancer screening with low-

    Lascia il tuo commento