news

Vincere la guerra contro il cancro avanzato…

MIA MOGLIE ( ANNI 49 , NON FUMATORE  )  HA SUBITO ,  DUE ANNI ORSONO ,  UN INTERVENTO CON IL QUALE HANNO ASPORTATO UN CARCINOMA POLMONARE PRESENTE IN DUE SITI DI 3/ 4 CM ALLA BASE DL POLMONE DESTRO.

L’HA OPERATA IL PROF VENUTA , POLICLICO UMBERTO I° ROMA ( APRILE 2011 ).

DALL’ESAME ISTOLOGICO E’ RISULTATA UNA MODIFICAZIONE DELLE CELLULE CHE HA CONSENTITO LA SOMMINISTREAZIONE DELL’IRESSA CHE AVREBBE ANCHE FATTO EFFETTO AD UN PAIO DI PICCOLISSIME LESIONE PRESENTI A LIVELLO CEREBRALE.

IL TUTTO E’ ANDATO BENE FINO A SETTEMBRE SCORSO (  CONTROLLI FREQUENTI E SEMPRE NEGATIVI : SEMBRAVA CHE IL TRATTAMENTO IRESSA AVESSE FATTO EFFETTO ANCHE IN TESTA ) , QUANDO E’ EMERSO DALLA TAC E TAC PET IL RIACCENDERSI DI FOCOLAI ( RARI ) AL POLMONE  E DI NUOVO IN TESTA.

PER LA VERITA’ IN TESTA LE LESIONI SONO TRE DI CUI DUE PICCOLISSIME 3/4 MILLIMETRI A DETTA DEGLI ESPERTI E UN’ALTRA PIU’ GRANDE ( UN PAIO DI CM CIRCA ) CHE PERO’ NON SEMBRA METASTASI MA DI ORIGINE DIVERSA ( TIPO STROZZATURA DI QUALCHE PICCOLA VENA CHE E’ LI POSIZIONATA DA MOLTO TEMPO )

DA NOVEMBRE MIA MOGLIE HA FATTO 4 SEDUTE DI CHEMIOTERAPIA DI MEZZA GIORNATA E ALL’ULTIMA TAC COME DICEVO I POLMONI SEMBRANO PULITI.

CIO’ CHE COMINCIA A PREOCCUPARE SONO LE DUE PICCOLISSIME LESIONI CHE , A DETTA DELL’ONCOLOGO DI RIFERIMENTO DOVRANNO ESSERE TRATTATE CON TARCEVA O RADIOTERAPIA O ANCORA CHEMIO ….??

SIAMO SULLA STRADA GIUSTA ? LA RADIO FUNZIONA? MI HANNO DETTO CHE A BERLINO  FANNO GRANDI COSE PERCHE HANNO UN MACCHINARIO RIVOLUZIONARIO.

INSOMMA POSSIAMO VINCERE QUESTA GUERRA??   IN ITALIA  IN GERMANIA IN AMERICA , DOVE ???? POTETE AIUTARCI?

E DARCI NOTIZIE IN MERITO? OPPURE PENSATE VOI DI POTER FARE QUALCOSA ???

GRAZIE PER L’ATTENZIONE RISERVATAMI E IN ATTESA DI VS CORTESE E URGENTE RISCONTRO , CON L’OCCASIONE VI SALUTO CORDIALMENTE.

G.V.

___________________________________________________________________________________________


Gentile signore,

vincere questa guerra è ancora quasi impossibile, ma guadagnare terreno e mantenere le posizioni è sempre più possibile.  Solo pochi anni fa, le persone nelle condizioni di sua moglie avevano una prognosi molto infausta.  Già sua moglie, grazie all’Iressa, ha potuto beneficiare degli avanzamenti fatti dalla ricerca medica neell’ultimo decennio.

Per rispondere alla sua domanda che riguarda direttamente il caso della moglie, direi innanzi tutto che quello che si può fare (e con ottimi risultati) è la RADIOTERAPIA STEREOTASSICA al cervello.  Non è necessario andare in Germania: in Italia molti reparti di radioterapia hanno quei macchinari “d’avanguardia” e possono farla.  In tutto il nord Italia sicuramente (Verona, Milano, Torino…), ma certamente anche al centro. Una lista dei centri (non garantisco però dell’affidabilità della classifica di merito) può trovarla a questa pagina: http://www.qsalute.it/recensioni/tag/reparto/Radioterapia/.

La stessa radioterapia stereotassica potrà essere fatta sulle lesioni polmonari, se sono poche e molto piccole.

Nel frattempo, potrà sentire i suoi oncologi per vedere di ottenere un trattamento con un farmaco anti-EGFR di seconda generazione (es. Afatinib o il Dacomitinib), che possono funzionare anche quando l’Iressa ha perso la sua efficacia (il Tarceva è molto simile all’Iressa e rischia di non funzionare anch’esso).

La chemioterapia, anche se finora ha risposto bene, consiglierei di prenderla in considerazione solo dopo il fallimento delle modalità terapeutiche già accennate…

Spero di esserele stato utile.

Cordiali saluti,

Gianfranco Buccheri



Lascia il tuo commento