news

Ammalarsi di un nuovo tumore al polmone… succede qualche volta.

Pochi lo sanno, perché è un problema che riguarda solo una minoranza di ammalati di cancro al polmone, ma esiste la possibilità, una volta che questi siano stati operati ed appaiano (e si sentano) del tutto guariti, che insorga un nuovo cancro al polmone (cosiddetto secondo tumore).  Ne abbiamo accennato allorché si parlava dell’importanza del follow-up post-chirurgico (vedi).

Ora, un gruppo di ricercatori tedeschi dell’Università di Hilderberg (1) ha deciso di rispondere alle due domende che sorgono spontanee: “quanto è frequente il secondo tumore?” e “che prognosi ha?”.

Così sono stati studiati 2816 pazienti con un cancro al polmone appena diagnosticato, che sono stati poi seguiti per l’eventuale sviluppo di un nuovo (secondo) tumore.  A seguito di tale osservazione clinica e della preventiva esclusione di recidive del tumore primitivo, i ricercatori hanno potuto contare 139 casi certi di secondo tumore (quasi il 5%. dei casi osservati).   Di questi 139, oltre la metà erano a partenza polmonare (2,8%).   In particolare, vi erano 69 carcinomi del polmone non a piccole cellule (NSCLC) e 9 tumori a piccole cellule (SCLC).  Il tempo medio di insorgenza del secondo tumore dal momento della diagnosi é stato di  72 mesi.  Per quanto riguarda la prognosi, quella dei secondi tumori era migliore di quella del primo tumore: la sopravvivenza mediana fu, infatti, di 57 mesi per i secondi tumori contro i 18 mesi dei tumori primari.

Come mai?…

Innanzitutto, perché una persona operata per un tumore del polmone è quasi sempre soggetta a vari programmi di follow-up che, per loro natura, consentono una diagnosi precoce sia di un nuovo tumore sia di una eventuale recidiva del tumore iniziale.  Dunque, questo studio è una prova indiretta dell’utilità di tali programmi.  Un’altro motivo, ma meno importante del precedente, è l’esperienza involontariamente acquisita da chi ha avuto un primo tumore, che lo rende più attento ai sintomi della malattia e che lo induce a ritornare dal medico al minimo sospetto.

In ogni caso, la diagnosi è precoce e la terapia più efficace… come sempre.

Gianfranco Buccheri

___________________________

(1)   Eur Respir J. 2012 Oct 11:

Characteristics and outcome of patients with second primary lung cancer.

Reinmuth N, Stumpf A, Stumpf P, Muley T, Kobinger S, Hoffmann H, Herth FJ, Schnabel PA, Warth A, Bischoff H,Thomas M.

Thoraxklinik, University of Heidelberg, 69126 Heidelberg, Germany


Lascia il tuo commento