news

Recentemente, la Confederazione Elvetica ha affrontato a livello nazionale il problema del


Mentre ci chiediamo quando anche le nostre autorità sanitarie obbligheranno costruttori edili e proprietari a controlli seri e ad eventuali bonifiche… vi proponiamo il testo del comunicato stampa relativo alla decisione del consiglio federale elvetico:

_____________________________________________________________________________________________________

Il radon è un gas radioattivo presente in forma naturale nel terreno, che può penetrare nell’involucro degli edifici non impermeabili e accumularsi nell’aria ambiente.  Per la persona che inala radon, il rischio di sviluppare un cancro ai polmoni è direttamente proporzionale alla concentrazione della sostanza, espressa in becquerel per metro cubo (Bq/m3) e alla durata dell’esposizione. Avendo la responsabilità di circa il 10 per cento dei casi di cancro ai polmoni, il radon ne è la seconda causa in assoluto, dopo il tabagismo.

Sulla scorta di nuovi studi epidemiologici condotti negli spazi abitati, le istanze internazionali, con in testa l’Organizzazione mondiale della sanità, intendono diminuire il più possibile l’esposizione al radon e non far superare il valore massimo di 300 Bq/m3 negli edifici.

In base alle nuove conoscenze e tenuto conto delle condizioni geologiche e climatiche prevalenti in Svizzera, risulta che tutto il territorio nazionale è ormai interessato dal problema del radon. Il nuovo piano nazionale fissa le azioni prioritarie per garantire una protezione adeguata della popolazione, in conformità agli standard internazionali. In particolare, il valore limite di 1000 Bq/m3 alla base dell’attuale programma dovrà essere riconsiderato nell’ambito della revisione della legislazione.

È inoltre necessario intensificare le misurazioni di radon nelle scuole e negli edifici pubblici. Diventa altresì prioritario rinforzare les prescrizioni edili e la creazione di sinergie nell’ambito del risanamento energetico degli edifici. Queste soluzioni sono le più efficaci dal punto di vista del rapporto costi-benefici, al fine di controllare il problema sul lungo periodo.

Pubblicato da:

Il Consiglio federale
Internet: http://www.admin.ch/br/index.html?lang=it
Ufficio federale della sanità pubblica
Internet: http://www.bag.admin.ch

Indirizzo a cui rivolgere le domande:

Ufficio federale della sanità pubblica, Christoph Murith, capo della Sezione rischi radiologici, telefono 031 322 95 05, media@bag.admin.ch

_________________________________________________________________________________________________

Chi vuole può scaricare il piano nazionale elvetico 2012-2020 per il Radon alla pagina:

http://www.bag.admin.ch/themen/strahlung/00046/11649/index.html?lang=fr


Lascia il tuo commento